Sabato ai Tartari



di carne rosa
è la sera ormai
in palude
faranno scempio
di me
le zanzare
per ora intanto
                dall'auto
un tizio scocca un dito
lui mirandomi alle spalle
io guardandolo indicare
quanto manca? dice
quanto manca?
e dunque voltandomi
frusto un paese            sventolante
di stracci e vento e mute
finestre e cento, mille
sciabolate di canali
verdi-argento 
                              [quanto manca?]
non si vede
null'altro
                           solo
                              c'ingombra

                                                                                         un vuoto

sarà il lavoro
           ch'è finito
sarà ch'è sempre un poco
             mistico
il sabato                     e il tizio
e il suo faccione torvo che scrollando incalza 
quanto manca? 
quanto manca?
gli domando
          quanto
          manca
          per cosa?
Non lo ricorda più

 

e le carni rosa
della sera

          svaniscono.

(Daniele Modica)